IL GESTO DI FRANCESCO PASCA (LUPO EDITORE). SEGNALAZIONE A CURA DI GIANLUCA PASCA

 

Si può amare la Scrittura? Si può dialogare nell’impossibile? Nella stesura del non-racconto l’interrogativo diventa forte, sollecita. È la stessa Scrittura che incalza, soffia e traduce. Quando la Scrittura s’identifica in un nome, in Thea, il personaggio di nome Giano, duella con l’unicità di Thea, quella dell’essere senza falsi pudori, senza veli. Come Scrittura, Thea, questo rivendica. Nel suggerire parole, non può non far scuotere Fiato che è lo stesso Giano. La duplicità, che è incertezza, diventa il tramite per l’atto estetico da trasferire sul corpo di Thea con il timore dell’inizio, dell’horror vacui che qualunque gesto porta con sé nel trasferirsi su di una superficie. Giano ozia, Fiato racconta. Tre lettere rinvenute sono il pretesto. Thea-‘Ntina subisce e si vendica con il rovello in cui costringe Giano. Ma, è anche la stessa duplicità di Thea a soccorre Giano nell’iniziazione, e lo induce a dirigersi nell’unità di un’Anima-Memoria, nel far rincorrere l’Udito che è Parola, il Gesto che è il Segno ed il Filo senza spessore che è l’Immagine. Un libro molto intenso di Francesco Pasca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...