“Come fece come non fece” a Soleto (Lecce) il 26 maggio 2013

Come fece come non fece

 

L’Associazione Francesco Attanasi Onlus con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Soleto,  l’Assessorato alla Cultura del Comune di Soleto presenta “I libri sbocciano in Maggio”, nell’ambito dell’iniziativa “Il Maggio dei Libri”. Domenica 26 maggio 2013 alle 18,00 è prevista la mostra /installazione di favole “Come fece come non fece” presso l’Ex Ospedale Carrozzini in via Ospedale a Soleto

 

La mostra-installazione si ispira direttamente al libro di Luigi Chiriatti e Egidio Marullo, Come fece come non fece, una raccolta di favole registrate dalla viva voce degli anziani durante una ricerca più ampia sulla cultura orale salentina e trascritte con un linguaggio frutto di una combinazione degli elementi e degli schemi dell’espressività dialettale con la lingua italiana. Come fece come non fece è un libro con due anime perché è sì una raccolta di fiabe, ma anche di immagini, luoghi, atmosfere, suoni di paesi e città, voci di uomini e di animali, odori antichi di case umili o profumi esotici di sfarzosi castelli, di malìe e incantamenti alla controra. La mostra è pensata per quanti, piccoli o adulti, vogliano godere o riscoprire il piacere dell’ascolto, immersi in quest’atmosfera sognante e corposa; come accadeva in un tempo non troppo lontano, quando le fiabe erano narrate dagli anziani della comunità, intorno a un fuoco d’inverno o sui limitari delle porte d’estate e i bambini venivano intrattenuti e allo stesso tempo formati ai valori e alle regole del vivere sociale. Lettura di favole a cura di Anna Chiriatti. Rappresentazione grafica e delle favole e caratterizzazione dei personaggi a cura di Egidio Marullo.

Come fece come non fece di Luigi Chiriatti con le illustrazioni di Egidio Marullo (Kurumuny) Come fece come non fece è una raccolta di fiabe fatte di immagini, luoghi, atmosfere, suoni di paesi e città, voci di uomini e di animali, odori antichi di case umili o profumi esotici di sfarzosi castelli, di malìe e incantamenti alla controra. Immagini lontane, nel tempo e nello spazio, di principi e principesse che vivono e rivivono tra gli ulivi contorti e tra gli spinosi fichi d’India. Dietro ogni favola c’è il volto rugoso di un vecchio che fu bambino, la sua voce sfiatata e i gesti delle sue mani nodose che raccontano storie vere, camuffate da fiabe. Un libro attraverso cui i bambini possono apprendere gli strumenti per affrontare la vita, perché si narra di grandi difficoltà e pericoli da superare, di magie e incantesimi buoni e cattivi, di viaggi straordinari; ma Come fece come non fece è anche un libro per gli adulti che possono svegliare i ricordi custoditi in un angolo della memoria e ritrovare il tempo in cui furono bambini attraverso la fascinazione di un racconto. Le favole qui pubblicate fanno parte di un lavoro di ricerca e documentazione più ampio e complesso condotto dall’autore sulla cultura orale salentina. Le favole sono state registrate direttamente dalla viva voce dei narratori in dialetto salentino e sono state trascritte mediante una traduzione libera dove si combinano le immagini e i giri di frase più espressivi caratteristici della lingua dialettale con un impianto linguistico italiano, in questo modo la lingua è parte integrante del paesaggio perché contribuisce in modo determinante a identificare i luoghi in cui si svolgono le azioni e i personaggi stessi delle favole. Un libro attraverso cui i bambini possono apprendere gli strumenti per affrontare la vita, perché si narra di grandi difficoltà e pericoli da superare, di magie e incantesimi buoni e cattivi, di viaggi straordinari; ma Come fece come non fece è anche un libro per gli adulti che possono svegliare i ricordi custoditi in un angolo della memoria e ritrovare il tempo in cui furono bambini attraverso la fascinazione di un racconto. Le favole qui pubblicate fanno parte di un lavoro di ricerca e documentazione più ampio e complesso condotto dall’autore sulla cultura orale salentina. Le favole sono state registrate direttamente dalla viva voce dei narratori in dialetto salentino e sono state trascritte mediante una traduzione libera dove si combinano le immagini e i giri di frase più espressivi caratteristici della lingua dialettale con un impianto linguistico italiano, in questo modo la lingua è parte integrante del paesaggio perché contribuisce in modo determinante a identificare i luoghi in cui si svolgono le azioni e i personaggi stessi delle favole.

 

Info

0832801528

3299886391

http://www.kurumuny.it

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...