Scordatevi la ripresa nel 2013 la recessione peggiora ancora (Stefano Feltri).

Triskel182

IMU E IVA: CON IL PIL A -2,4 PER CENTO PER IL GOVERNO SONO GUAI.

Qualche giorno di svago con i commenti, le analisi e le polemiche sul voto delle amministrative poi i partiti della maggioranza dovranno tornare a concentrarsi sulle cose serie, cioè i numeri della crisi. Ieri l’Istat, l’istituto di statistica (che al momento è acefalo, dopo la nomina del presidente Enrico Giovannini a ministro del Lavoro), ha troncato ogni accenno di ottimismo: il calo acquisito del Pil italiano nel 2013 è dell’1,6 per cento. Ed è inutile aspettarsi miracoli nei prossimi mesi: il calo tendenziale, cioè proiettato sull’intero anno, è del 2,4 per cento. Ancora peggio del 2,3 che l’Istat aveva stimato un mese fa.

Il problema più serio per Enrico Letta e il ministro dell’Eco nomia Fabrizio Saccomanni è che i documenti ufficiali del governo, a cominciare dal Def appena approvato, impostano la politica economica su numeri…

View original post 519 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...